Obiettivi


LA CONSERVAZIONE DELLE SPECIE.
Sei risultati da raggiungere per centrare l’obiettivo.

L’obiettivo principale di Sharklife è quello di contribuire alla conservazione dei pesci cartilaginei, con una particolare attenzione per lo squalo elefante e i trigoni viola. In particolare, attraverso l’attuazione di tutte le azioni previste dal progetto si intendono raggiungere i seguenti risultati:

• riduzione della cattura del trigone viola, Pteroplatytrygon violacea, dell’80%, attraverso l’uso degli “ami circolari” nella pesca al pesce spada. Il trigone viola è una specie pelagica che vive a grande distanza dalle coste. Anche se non ha un grande valore commerciale la specie viene spesso pescata accidentalmente soprattutto con i palangari. Usando però gli ami circolari, e cioè ami caratterizzati da una curva molto chiusa, difficilmente il trigone rimane allamato, a causa alla posizione ventrale della bocca.

• riduzione del 100% della pesca agli elasmobranchi durante le competizioni nazionali di pesca sportiva, attraverso l’adozione del sistema “tag and release”. Il sistema “tag and release” consiste nell’applicare una targhetta agli esemplari catturati e rilasciarli vivi in acqua. Nella targhetta sono registrati dati quali data, ora e luogo di cattura. In questo modo si riesce a costruire un Data Base sulla presenza delle diverse specie nel Mediterraneo. In seguito, grazie alla collaborazione dei pescatori, nel caso di ricattura di un esemplare “taggato”, è possibile aggiungere ulteriori dati, informazioni queste fondamentali per i ricercatori per capire quali sono gli spostamenti, il tasso di crescita ecc.

• adozione di uno specifico Piano di Azione per la conservazione degli elasmobranchi da parte delle autorità interessate. In Italia non esiste attualmente un Piano d’Azione per la conservazione delle specie selvatiche, tuttavia negli anni il Ministero dell’Ambiente ha approvato una serie di Piani d’Azione specifici per alcune specie. Attraverso il progetto Sharklife, facendo seguito alle raccomandazioni dell’International Plan of Action for the Conservation and Management of Sharks (IPOA-SHARKS) sviluppato dalla FAO, si intende procedere alla redazione e all’adozione di un Piano d’Azione per la conservazione degli squali e delle razze.

• sviluppo di un sistema innovativo per la riduzione delle catture accidentali dello squalo elefante e di altre grandi specie marine protette. Attraverso la progettazione e messa a punto di uno speciale dispositivo, sarà possibile risolvere o comunque arginare il problema delle catture di alcune specie marine protette, che finiscono nelle reti in maniera assolutamente accidentale.

• maggiore collaborazione tra pescatori e popolazione locale sulle politiche di conservazione e l’uso sostenibile delle risorse marine. I pescatori, sia professionali che sportivi, sono gli attori più importanti per il successo del progetto e per la realizzazione di alcune azioni, per questo motivo il loro coinvolgimento e la loro collaborazione è fondamentale.

• aumentare la sensibilità del pubblico sui temi della biodiversità in generale e in particolare sulla conservazione degli squali e delle razze. Anche se il progetto si rivolge a tutti gli squali, un’attenzione particolare sarà tuttavia rivolta alle seguenti specie: squalo elefante, trigone viola, verdesca, squalo volpe, spinarolo.

Progetto di


associazione cts

Con il contibuto di

LIFE + per la salvaguardiadell’ambiente

Co-finanziato da

minambiente parcoasinara Provincia di Reggio Calabria

Sostenitori

> Area Marina Protetta di Porto Cesareo